• LoginBet Staff

Serie A: l'Inter di Conte si gode una stagione da record

La 30a giornata di Serie A, che si chiuderà oggi con il posticipo tra Benevento e Sassuolo, consacra la stagione dei record dell'Inter di Conte ormai prossima allo scudetto.

L'Inter di Antonio Conte vince contro il Cagliari ( 1 a 0 - rete di Darmian) e si avvicina sempre più alla conquista del titolo stagionale della Serie A.

Curiosità: I nerazzurri sono la prima squadra nella storia in grado di vincere tutte le prime 11 partite di un girone di ritorno.


Una stagione da record


Antonio Conte e il popolo nerazzurro, festeggia una stagione da record!

Con il successo contro il Cagliari, l'Inter diventa la prima squadra nella storia della Serie A, vincente in tutte le prime 11 partite del girone di ritorno:


Score detenuto fino a ieri dal Milan di Arrigo Sacchi della stagione 1989/1990, con 10 successi.


Non vogliamo lasciare nulla al casosono le parole del mister leccese ai microfoni di Dazn -, il fatto che ci siano calciatori che si allenano dopo la partita significa che c’è sacrificio e disponibilità: e questo la dice lunga sullo spogliatoio dell’Inter”.


“Continuo a ripetere la stessa cosa: le partite iniziano a essere di meno, ogni vittoria vale sei punti. Ieri il Milan aveva vinto, per noi era importante mantenere inalterate le distanze dalla seconda. E ci stiamo abituando a questo tipo di situazione: per molti è la prima volta il fatto di giocare sempre per vincere, sotto pressione. Sono molto soddisfatto di quello che stiamo facendo, penso che nel giro di quasi due stagioni siamo cresciuti tanto e sotto tutti i punti di vista”.


Il gap dalle altre è enorme, lo scudetto è vicino: “Non parlerei di conto alla rovescia. Noi dobbiamo giocare per vincere, continuare a tenere il pedale sempre spinto: non siamo una squadra che può fare calcoli. E non li voglio fare io, a me piace tanto vincere e sto trasmettendo questa mentalità. Stiamo iniziando a vedere la meta, ma non è ancora raggiunta. Abbiamo fatto tre partite in otto giorni e abbiamo portato a casa nove punti importanti, è inutile nasconderci. Ma non bastano, ci sono ancora otto giornate di campionato”.


L’esultanza con i giocatori: “Era uno scatto per abbracciare lo sforzo dei ragazzi. Credo loro vadano premiati, con l’abbraccio e col bacio come fatto con Hakimi. Mi ritengo un loro fratello maggiore. Loro sanno l’affetto che provo nei loro confronti, sarei pronto a buttarmi nel fuoco. Romelu? Spesso e volentieri capita anche a lui un bacio …”.