• LoginBet Staff

SERIE A, 12a GIORNATA: PROBABILI FORMAZIONI, QUOTE E STATISTICHE

Archiviate le 3 serate di coppe, con un ottimo bilancio di 6 vittorie su 7 gare per le italiane, ci rituffiamo subito nel campionato.

Fra i match più interessanti segnaliamo Torino-Milan di domenica sera. Di seguito tutto ciò che dovete sapere per scommettere al meglio sul weekend di campionato con le quote di Loginbet.


NAPOLI - SASSUOLO sabato ore 15

Quote Loginbet: 1(1,30) X(5,75) 2(9.25)


Dopo il successo per 6-1 dello scorso aprile, il Napoli potrebbe registrare due vittorie di fila contro il Sassuolo in Serie A per la terza volta, dopo le due con Gennaro Gattuso nel 2020 e le tre con Rafael Benítez nel 2015. Il Sassuolo ha vinto due delle 18 sfide di Serie A contro il Napoli, entrambi successi arrivati nel girone d'andata (2015 e 2020) - quello del novembre 2020 è stato inoltre l'unico confronto in cui i neroverdi hanno tenuto la porta inviolata contro i partenopei nella competizione (0-2 al Maradona). Il Napoli è imbattuto da 15 partite di Serie A (13V, 2N), la striscia aperta più lunga tra le formazioni attualmente in Serie A: i partenopei hanno iniziato questa serie di imbattibilità proprio contro il Sassuolo, grazie al 6-1 del 30 aprile scorso.


Il Napoli si trova attualmente con due punti in meno rispetto alle prime 11 partite giocate nel campionato corso (29 v 31) - tuttavia, i partenopei pareggiarono la successiva nella stagione 2021/22 - con un successo contro il Sassuolo eguaglierebbero il proprio record di punti dopo 12 gare in una stagione di Serie A (32). Con la sconfitta dell'Atalanta, il Napoli resta l'unica squadra ancora imbattuta in questa Serie A: espandendo ai maggiori cinque campionati europei, i partenopei sono appaiati solamente a Paris Saint-Germain e Real Madrid. Napoli (28) e Sassuolo (30) sono due delle tre formazioni di questa Serie A ad aver incassato finora meno conclusioni nello specchio della porta (tra loro la Roma, a 29) - i partenopei guidano inoltre la classifica per tiri nello specchio effettuati (72).


Luciano Spalletti potrebbe eguagliare la sua miglior striscia di successi registrata con il Napoli in Serie A: attualmente è a quota sette e potrebbe raggiungere gli otto consecutivi, come nelle prime otto panchine di campionato con il Napoli tra agosto e ottobre 2021. Con la rete contro il Verona, Davide Frattesi ha già eguagliato in 11 presenze il suo score realizzativo della scorsa stagione (36 partite giocate) - il classe '99 ha infatti alzato la sua percentuale realizzativa dal 6% dello scorso campionato al 15.4% di questo.


Matteo Politano ha esordito in Serie A proprio in una sfida tra Napoli e Sassuolo, ma con la maglia neroverde (23/08/2015) - con la formazione emiliana ha collezionato 96 presenze e 20 gol nel massimo torneo - inoltre il Sassuolo è la formazione contro cui ha registrato più presenze senza mai segnare o fornire assist nella competizione (otto). Giovanni Simeone ha realizzato tre gol contro il Sassuolo in Serie A, uno con il Cagliari e due con la Fiorentina - l'attaccante del Napoli, tuttavia, non trova la rete in casa nel massimo campionato dallo scorso 4 aprile, al Bentegodi con la maglia del Verona


Probabili formazioni:


NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Kim, Juan Jesus, Mario Rui; Ndombele, Lobotka, Zielinski; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia.


SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Toljan, Erlic, Ferrari, Rogerio; Frattesi, Lopez, Thorstvedt; D’Andrea, Pinamonti, Laurienté.


LECCE - JUVENTUS sabato ore 18

Quote Loginbet: 1(5,10) X(3,50) 2(1,73)


Il Lecce ha vinto quattro delle 32 sfide di Serie A contro la Juventus, l'ultima nel febbraio 2011 (2-0 con reti di Mesbah e Bertolacci): da allora due successi bianconeri e due pareggi nel massimo campionato. La Juventus ha vinto 4-0 l'ultimo precedente contro il Lecce in Serie A, il 26 giugno 2020 - i bianconeri non ottengono due successi di fila contro i salentini in campionato dal 2008 e non tengono la porta inviolata in due gare consecutive dal 2002. Dopo la sconfitta per 0-2 contro il Bologna nell'ultimo turno, il Lecce potrebbe restare a secco di gol per due gare consecutive di Serie A per la prima volta dal gennaio 2020 (Udinese e Parma in quell'occasione).


Il Lecce ha pareggiato tutte le ultime quattro partite di Serie A al Via del Mare per 1-1 e potrebbe per la prima volta nella sua storia nel massimo campionato trovare il pari in cinque incontri interni di fila. La Juventus vinto le ultime due partite di Serie A senza subire gol e potrebbe tenere la porta inviolata per tre gare consecutive nel massimo campionato per la prima volta dallo scorso febbraio - si torna invece al febbraio 2021 per trovare l'ultima serie di tre successi accompagnati da clean sheet. Da una parte solo la Lazio (sette) ha registrato più clean sheet della Juventus (sei) nella Serie A in corso, dall'altra il Lecce è una delle due formazioni che non ha ancora tenuto la porta inviolata nel campionato in corso.


Il Lecce è la formazione che ha subito più gol da palla inattiva nella Serie A 22/23 (nove, al pari della Cremonese), mentre la Juventus, a quota otto, è la seconda squadra più prolifica sugli sviluppi di palla ferma, dietro solamente al Napoli (nove). Federico Di Francesco non segna da 17 presenze di Serie A e solo una volta ha registrato una striscia più lunga senza reti nella competizione (26 tra agosto 2017 e settembre 2018) - il classe '94 ha giocato quattro partite contro la Juventus in Serie A, con quattro maglie differenti (Bologna, Sassuolo, SPAL ed Empoli) trovando sempre la sconfitta.


Dopo la rete contro l'Empoli nell'ultimo turno, Moise Kean potrebbe andare in rete per due presenze consecutive di Serie A solamente per la seconda volta nella competizione: la prima fu una striscia di quattro tra marzo e aprile 2019. Federico Chiesa potrebbe tornare a giocare un match di Serie A a 293 giorni di distanza dalla gara contro la Roma dello scorso gennaio: l'attaccante della Juventus ha trovato un gol e un assist nella sua unica sfida di Serie A contro il Lecce, il 15 luglio 2020, proprio al Via del Mare, con la maglia della Fiorentina


Probabili formazioni:


LECCE (4-3-3): Falcone; Baschirotto, Pongracic, Umtiti, Pezzella; Gonzalez, Hjulmand, Askildsen; Strefezza, Ceesay, Banda.


JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Alex Sandro; Cuadrado, Miretti, Locatelli, Rabiot, Kostic; Kean, Milik.


INTER - SAMPDORIA sabato ore 20,45

Quote Loginbet: 1(1,23) X(6,35) 2(12,60)


L'Inter è rimasta imbattuta in nove delle ultime 10 sfide di Serie A contro la Sampdoria (8V, 1N), con l'unica sconfitta nel parziale arrivata il 6 gennaio 2021 con Antonio Conte in panchina. L'Inter ha vinto tutte le ultime cinque partite di Serie A al Meazza contro la Sampdoria: solo tra il 1984 e il 1990 i nerazzurri hanno registrato una striscia di vittorie più lunga in casa contro i blucerchiati (sei in quell'occasione). La Sampdoria ha vinto solo una delle ultime 20 trasferte di Serie A contro l'Inter (2-1 il 3 aprile 2017, firmato da Schick e Quagliarella) - completano il parziale 14 successi nerazzurri e cinque pareggi. L'Inter non pareggia da 20 partite di Serie A, la sua striscia più lunga nella competizione dall'inizio degli anni '40 (23 in quell'occasione) - l'ultima squadra ad aver registrato 21 gare senza segni X nella competizione è stata la Lazio, tra gennaio e maggio 2021 (con Simone Inzaghi in panchina).


Dopo il successo per 1-0 sulla Cremonese, la Sampdoria potrebbe ottenere due vittorie consecutive nel massimo campionato per la prima volta dal novembre 2021 (v Salernitana e Verona con D'Aversa in panchina). L'Inter è la squadra che ha realizzato più gol nel primo quarto d'ora di partita in questa Serie A (sei) - dall'altra parte, nessuna formazione ne ha incassati più della Sampdoria nello stesso parziale di gara (cinque). La Sampdoria ha il peggior attacco di questo campionato con sei reti: è il peggior bottino per i blucerchiati dopo 11 gare di campionato dal 1975/76 - in generale le ultime formazioni ad aver registrato così pochi gol a questo punto della stagione sono state Benevento (quattro) e Sassuolo (sei) nel 2017/18. Edin Dzeko ha segnato sei gol contro la Sampdoria in Serie A, ma non trova la rete da sette presenze interne di campionato: questa è la seconda striscia più lunga per il bosniaco in casa nella competizione dopo quella di 12 con la Roma tra maggio 2018 e aprile 2019.


Lautaro Martínez è il giocatore che in questo campionato ha tentato più tiri totali (43) e nello specchio (15) - l'argentino ha preso parte a quattro reti nelle sue ultime due presenze di Serie A, dopo essere rimasto a secco nelle cinque precedenti. Manolo Gabbiadini ha segnato un solo gol in 10 sfide contro l'Inter in Serie A, proprio nella sua ultima sfida con i nerazzurri, nel febbraio 2019 al Meazza - l'attaccante della Sampdoria non segna in trasferta in campionato dal 22 dicembre 2021, all'Olimpico contro la Roma (sette gare esterne a secco da allora).


Probabili formazioni:


INTER (3-5-2): Onana; D’Ambrosio, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Asllani, Calhanoglu, Gosens; Lautaro, Correa.


SAMPDORIA (4-2-3-1): Audero; Bereszynski, Amione, Colley, Augello; Rincon, Villar; Sabiri, Gabbiadini, Djuricic; Caputo.


EMPOLI - ATALANTA domenica ore 12,30

Quote Loginbet: 1(4,35) X(3,80) 2(1,80)


Dopo il successo per 1-0 dello scorso maggio, firmato Leo Stulac, l'Empoli potrebbe vincere due sfide di fila contro l'Atalanta per la prima volta in Serie A - risale inoltre al 2007 l'ultima striscia di almeno due clean sheet per i toscani contro la Dea (tre nell'occasione). L'Empoli non ha trovato il gol nel 60% delle partite interne disputate contro l'Atalanta in Serie A - per i toscani, inoltre, un solo successo nelle sei più recenti (1N, 4P), 3-2 nel novembre 2018. Dopo la sconfitta per 0-4 contro la Juventus, l'Empoli potrebbe perdere due gare consecutive di Serie A senza trovare la rete per la prima volta dal dicembre 2018 (Torino e Inter).


Nell'ultimo turno, l'Atalanta ha perso senza segnare la sua prima partita di questo campionato (record per la Dea con la prima sconfitta arrivata all'11ª gara) - i bergamaschi erano imbattuti dallo scorso maggio, quando persero due sfide consecutive, entrambe senza trovare la rete, una delle due contro l’Empoli. Dopo il pareggio alla Dacia Arena contro l'Udinese, l'Atalanta potrebbe impattare due trasferte consecutive di Serie A per la prima volta dal maggio 2021, in quel caso due 1-1 contro Roma e Sassuolo. Atalanta (cinque) ed Empoli (sei) sono due delle tre squadre che in questa Serie A hanno registrato meno sequenze su azione con almeno 10 passaggi terminate con un tiro o con un tocco in area - meno di loro ne conta soltanto il Verona (due).


Atalanta ed Empoli sono le due squadre che in questa Serie A hanno realizzato più gol da fuori area: quattro a testa - i toscani ne avevano collezionati in totale sei in 38 giornate dello scorso campionato. Mattia Destro ha segnato tre reti in Serie A contro l'Atalanta, anche se la più recente risale all'aprile 2017, quando vestiva la maglia del Bologna - la prossima sarà per l'attaccante dell'Empoli la 100ª vittoria nel massimo campionato italiano.


Le prime 17 presenze in Serie A di Sam Lammers sono arrivate con la maglia dell'Atalanta tra il 2020 e il 2021 - tra gli attaccanti che sono al massimo a quota una rete nel campionato in corso, l'olandese è quello che ha tentato più conclusioni (23). Duván Zapata ha segnato quattro reti contro l'Empoli in Serie A, gli ultimi due proprio al Castellani (nel febbraio 2016 e nell'ottobre 2021): dovesse trovare il gol, il colombiano diventerebbe il secondo straniero in rete in tutte le ultime 10 stagioni (dal 2013/14) nella competizione, dopo Matías Vecino.


Probabili formazioni:


EMPOLI (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic, De Winter, Luperto, Parisi; Haas, Marin, Bandinelli; Baldanzi; Destro, Satriano.


ATALANTA (3-4-1-2): Sportiello; Okoli, Demiral, Djimsiti; Hateboer, Scalvini, Koopmeiners, Soppy; Ederson; Lookman, Højlund.


SPEZIA - FIORENTINA domenica ore 15

Quote Loginbet: 1(4,05) X(3,60) 2(1,91)


Nei quattro precedenti in Serie A tra Spezia e Fiorentina sono tre le vittorie viola: completa il bilancio il pareggio nella prima sfida assoluta tra le due squadre nel massimo torneo, 2-2 il 18 ottobre 2020. La Fiorentina ha segnato esattamente due gol in entrambe le trasferte giocate contro lo Spezia in Serie A: 2-2 al Manuzzi nella prima sfida esterna, vittoria 2-1 nell’ultimo match al Picco del 14 febbraio 2022 (gol di Piatek, Agudelo e Amrabat). Lo Spezia è – al pari del Bochum – una delle due squadre dei maggiori cinque campionati europei 2022/23 che ha raccolto tutti i punti della stagione in casa: quella ligure, in particolare, è una delle tre squadre di questa Serie A ancora imbattuta in casa insieme a Juventus e Napoli (due vittorie e tre pareggi per gli Aquilotti). Questa è solo la nona volta nella sua storia in cui la Fiorentina vince due o meno sfide nelle prime 11 partite di un campionato di Serie A: l’ultima nel 2020/21, quando collezionò nove punti nelle prime 11 e chiuse la stagione al 13° posto finale.


Solo il Verona (zero) ha collezionato meno punti di Spezia e Fiorentina (uno ciascuno, con tre sconfitte nel parziale) nel mese di ottobre 2022 in Serie A. Sfida tra due delle quattro squadre che hanno subito più reti nel primo quarto d’ora di gioco in questo campionato: lo Spezia è a cinque (come la Sampdoria), la Fiorentina dopo le due subite contro l’Inter è a quattro (come l’Udinese). Sfida da ex per Vincenzo Italiano, che sulla panchina della Fiorentina ha battuto sia all’andata che al ritorno lo Spezia nello scorso campionato: ad oggi il tecnico nativo di Karlsruhe resta l’allenatore dei liguri con la miglior media punti nel massimo torneo (1.03 a match).


Tra gli attaccanti dei maggiori cinque campionati europei che non hanno né mai segnato un gol né mai fornito un assist in questa stagione 2022/23, Emmanuel Gyasi è quello che ha collezionato più minuti in campo (900). L’ultimo dei due gol segnati da Sofyan Amrabat in Serie A è arrivato al Picco contro lo Spezia (14 febbraio 2022): il centrocampista marocchino della Fiorentina è il giocatore che finora ha ricevuto più ammonizioni in questo campionato (sei). Luka Jovic è andato a segno nell’ultima partita di Serie A contro l’Inter, ma non trova il gol in due presenze consecutive di campionato addirittura dalla Bundesliga 2018/19 (reti tra marzo e aprile contro Schalke e Stoccarda con la maglia dell’Eintracht).


Probabili formazioni:


SPEZIA (3-5-2): Dragowski; Ampadu, Kiwior, Nikolaou; Amian, Agudelo, Ekdal, Bourabia, Holm; Nzola, Gyasi.


FIORENTINA (4-3-3): Terracciano; Dodò, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi; Barak, Mandragora, Bonaventura; Ikoné, Jovic, Kouamé.



CREMONESE - UDINESE domenica ore 15

Quote Loginbet: 1(4,10) X(3,75) 2(1,85)


Cremonese e Udinese tornano ad affrontarsi in Serie A a 9765 giorni di distanza dall'ultimo incrocio, datato 4 febbraio 1996, terminato 2-2 con la rete in extremis di Matjaz Florijancic. L'Udinese ha perso soltanto una delle otto sfide di Serie A contro la Cremonese (0-2 il 19 maggio 1985) - completano il quadro nella competizione due successi e cinque pareggi. La Cremonese è imbattuta in quattro partite interne di Serie A contro l’Udinese, grazie a un successo seguito da tre pareggi - quella friulana è infatti la squadra più volte affrontata in casa dai lombardi senza mai registrare sconfitte nel massimo torneo. La Cremonese è rimasta una delle due squadre nei maggiori cinque campionati europei a non aver ancora trovato il successo in questa stagione (insieme all'Elche) - tutte le ultime tre formazioni senza successi dopo 11 gare stagionali di Serie A sono retrocesse a fine stagione (Verona 2015/16, Benevento 2017/18 e Chievo 2018/19).


L'Udinese ha perso l'ultima partita di campionato, contro il Torino, e potrebbe registrare due sconfitte consecutive nella competizione per la prima volta dallo scorso gennaio (nell'occasione contro Atalanta e Juventus). Dopo lo 0-0 contro la Lazio alla 10ª giornata, l'Udinese potrebbe tenere la porta inviolata in due trasferte consecutive di Serie A per la prima volta da luglio/agosto 2020. L'Udinese è, con il Napoli, una delle due squadre che ha segnato più gol di testa nella Serie A in corso (sette), mentre nessuna squadra ne ha incassati più della Cremonese con questo fondamentale (quattro).


David Okereke ha esordito in Serie A proprio contro l'Udinese, quando vestiva la maglia del Venezia nell'agosto 2021 - l'attaccante classe '97 ha segnato entrambe le sue due reti nel campionato in corso in trasferta, e non trova il gol in casa nella competizione dallo scorso 16 gennaio, contro l'Empoli. Gerard Deulofeu è il giocatore che ha registrato più movimenti palla al piede terminati con un'occasione creata per un compagno di squadra (13) - Roberto Pereyra è invece, al pari di Sergej Milinkovic-Savic, uno dei due giocatori che hanno chiuso più movimenti palla al piede con un assist (tre). Gerard Deulofeu ha preso parte a sei reti nelle sue ultime sette sfide di Serie A contro formazioni neopromosse, grazie a cinque gol realizzati e un assist: lo spagnolo, tra tiri e occasioni create, ha messo lo zampino in 74 conclusioni nel campionato in corso, più di qualsiasi altro giocatore, seguito a quota 59 da Lautaro Martínez.


Probabili formazioni:


CREMONESE (3-5-2): Carnesecchi; Aiwu, Bianchetti, Lochoshvili; Sernicola, Pickel, Ascacibar, Meité, Valeri; Dessers, Okereke.


UDINESE (3-5-2): Silvestri; Perez, Bijol, Ebosse; Pereyra, Lovric, Walace, Makengo, Udogie; Beto, Deulofeu.


LAZIO - SALERNITANA domenica ore 18

Quote Loginbet: 1(1,48) X(4,55) 2(6,45)


Nessun pareggio nei sei precedenti in Serie A tra Lazio e Salernitana: quattro vittorie biancocelesti e due campane, l’ultima delle quali è datata primo novembre 1998 (1-0 a Salerno, rete di Tedesco). La Lazio ha vinto i tre confronti casalinghi contro la Salernitana in Serie A, segnando sempre almeno tre reti; nell’ultimo incrocio all’Olimpico dello scorso campionato il finale è stato 3-0 (reti di Immobile, Pedro e Luis Alberto). La Lazio è la squadra che da più partite di fila non subisce gol (sei) nei maggiori cinque campionati europei in corso: la squadra di Sarri è a una sola partita dall’eguagliare la storica striscia record di sette clean sheets del club biancoceleste in Serie A, collezionata tra febbraio e marzo 1998 con Sven-Göran Eriksson in panchina.


La Lazio ha registrato la seconda propria miglior partenza in Serie A nell’era dei tre punti a vittoria (24 punti, come nel 2002/03 e meno solo dei 28 collezionati nelle prime 11 del 2017/18); inoltre ha subito solo cinque reti fin qui, miglior risultato nelle prime 11 gare di massimo campionato per i biancocelesti dal 1973/74 (stagione in cui vinsero il loro primo Scudetto). Solo il Napoli (zero) ha perso meno gare della Lazio (unico ko proprio contro i campani) da inizio maggio ad oggi in Serie A: nelle ultime 15 partite di campionato per i biancocelesti nove vittorie, cinque pareggi e una sola sconfitta.


Diverso il rendimento della Salernitana in casa (10 punti conquistati) e in trasferta (solo tre): i campani hanno perso senza segnare le ultime due gare lontano dall’Arechi in Serie A e non collezionano tre ko di fila senza andare a segno in trasferta nel massimo campionato da novembre 1998 (quattro in quel caso). Nella striscia di sei clean sheets consecutivi, la Lazio ha subito appena 12 tiri nello specchio della porta (due di media a match): nel periodo è la formazione che ricevuto meno tiri nello specchio nei maggiori cinque campionati europei. La Salernitana ha subito tre gol su palla inattiva finora, ma tutti su rigore o sviluppi (i due rigori contro Bologna e Sassuolo, la ribattuta sulla respinta di Sepe di Bonucci contro la Juventus); nelle prime 11 giornate dello scorso campionato i campani avevano incassato quattro gol da palla inattiva (di cui però solo uno su rigore).


Tra i giocatori che hanno partecipato attivamente ad almeno quattro reti in questo campionato, solo Ante Rebic (278 minuti in campo) ha giocato meno minuti di Pedro (due gol e due assist in 352): lo spagnolo ha realizzato un gol nella sfida all’Olimpico dello scorso torneo contro la Salernitana, ma nel 2022 non è mai andato a segno in Serie A in un match iniziato titolare (quattro reti su quattro da subentrato). Pasquale Mazzocchi – primo difensore per dribbling riusciti (17 come Parisi) e secondo per occasioni create su azione (15, meno solo di Di Lorenzo) – ha già segnato due reti in questo campionato e potrebbe diventare il primo difensore della Salernitana a segnare almeno tre gol in uno stesso torneo di Serie A da Salvatore Fresi, che mise a referto tre reti nella stagione 1998/99


Probabili formazioni:


LAZIO (4-3-3): Provedel; Lazzari, Casale, Romagnoli, Marusic; Milinkovic-Savic, Cataldi, Vecino; Felipe Anderson, Pedro, Zaccagni.


SALERNITANA (3-5-2): Sepe; Gyomber, Daniliuc, Fazio; Candreva, L. Coulibaly, Radovanovic, Vilhena, Mazzocchi; Dia, Piatek.


TORINO - MILAN domenica ore 20,45

Quote Loginbet: 1(3,60) X(3,30) 2(2,13)


Il Torino ha pareggiato (0-0) nell’ultima sfida di Serie A contro il Milan, dopo aver collezionato quattro sconfitte senza mai realizzare un gol nelle precedenti quattro partite contro i rossoneri nella competizione. Il Torino non realizza una rete in Serie A contro il Milan da 464 minuti (esclusi recuperi): l’ultimo gol segnato dai granata ai rossoneri nella competizione è quello di Belotti al 76’ di Torino-Milan 2-1 del 26 settembre 2019 (data dell’ultimo successo del Torino contro la squadra lombarda). Nelle ultime 11 sfide di Serie A tra Torino e Milan in casa dei granata, si sono verificati ben sette pareggi (due vittorie per parte completano il bilancio), incluso quello nell’ultimo confronto in ordine di tempo (0-0 ad aprile): dal 2006/07 ad oggi, quella rossonera è la formazione contro cui il Torino ha pareggiato più volte in casa nel massimo torneo (sette appunto).


Il Torino - che nell’ultimo match contro l’Udinese ha ritrovato la vittoria - non riesce ad inanellare due successi di fila in Serie A addirittura da gennaio (vittorie contro Fiorentina e Sampdoria). Il Milan non perde in trasferta da 17 partite di campionato, grazie a 12 vittorie e cinque pareggi (è la striscia attualmente aperta più lunga nei maggiori cinque tornei europei): non arriva ad almeno 18 gare di fila fuori casa in Serie A senza perdere dalla serie record di 38 trasferte consecutive imbattuto nell’era Capello (tra settembre 1991 e ottobre 1993). Il Milan è la squadra che ha segnato più gol su azione in questa Serie A (21); al tempo stesso - escludendo i rigori - solo il Torino (zero) hanno segnato meno reti su palla inattiva dei rossoneri (una) finora in Serie A.


Nessuna squadra tira di più da fuori area rispetto al Milan in questa Serie A (67 conclusioni), mentre il Torino ne ha tentate 48 da fuori: quella granata, però, è l’unica squadra a non aver ancora segnato un gol dalla distanza nel campionato in corso. Nessun giocatore attualmente nella rosa del Torino ha mai segnato una rete in Serie A contro il Milan; considerando tutte le competizioni l’unico ad esserci riuscito è Antonio Sanabria, in gol quando giocava nel Betis nell’ottobre 2018 in Europa League.


Il Torino è la vittima preferita di Ante Rebic nei maggiori cinque campionati europei: cinque gol ai granata in cinque sfide (uno con la maglia della Fiorentina), inclusa la sua unica tripletta in un Big-5 (12 maggio 2021, nel famoso 0-7 all’Olimpico Grande Torino del Milan). Rafael Leão è il giocatore portoghese che ha partecipato attivamente a più gol (nove, tra cinque reti e quattro assist) nei maggiori cinque campionati europei 22/23 ed è uno dei cinque giocatori nati dall’1/1/1999 con almeno nove tra gol e assist in questi cinque tornei, insieme a Musiala, Haaland, David e Foden.


Probabili formazioni:


TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Djidji, Buongiorno, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Vojvoda; Vlasic, Radonjic; Pellegri.


MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Kalulu, Gabbia, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Bennacer; Messias, De Ketelaere, Leao; Origi.


VERONA - ROMA lunedì ore 18,30

Quote Loginbet: 1(4,55) X(3,55) 2(1,82)


Il Verona ha vinto in due (una a tavolino) delle ultime quattro sfide contro la Roma in Serie A (1N, 1P), dopo che aveva collezionato 17 partite di fila senza mai battere i giallorossi nel massimo campionato (5N, 12P). Considerando la vittoria a tavolino del settembre 2020, l’Hellas Verona arriva da due successi di fila al Bentegodi contro la Roma in Serie A: è dal triennio 1984-85-86 che i veneti non ottengono tre vittorie casalinghe di fila contro i capitolini nel massimo campionato. La Roma ha raccolto cinque vittorie e due pareggi nelle ultime sette sfide di Serie A con squadre che iniziavano la giornata in una delle ultime tre posizioni della classifica: l’ultima sconfitta risale proprio ad una gara contro il Verona, nel settembre 2021 (era la quarta giornata di campionato e si giocava al Bentegodi). Il Verona ha collezionato sei sconfitte di fila per la terza volta nella sua storia in Serie A: nelle altre due occasioni in cui è accaduto - 2018 e 1979 – ha poi perso anche la settima gara.


La Roma arriva da tre vittorie consecutive in trasferta in Serie A e non ne colleziona almeno quattro nel massimo campionato fuori casa dal finale del campionato 2019/20 (quello concluso tra luglio e agosto). Il Verona ha 10 punti in meno (5 vs 15) rispetto alle prime 11 giornate dello scorso campionato: è la differenza punti negativa maggiore a questo punto del torneo tra le squadre presenti sia nella Serie A 21/22 che nella Serie A 22/23. La Roma è la squadra di questo campionato che sviluppa meno il pressing nella metà campo avversaria: solo 56 recuperi offensivi e solo 108 interruzioni alte delle sequenze avversarie, entrambi sono i peggiori dati in questa Serie A. La Roma è una delle tre squadre contro cui Marco Davide Faraoni ha realizzato almeno due reti in Serie A (le altre sono Milan e Napoli): l’esterno del Verona non segna da maggio (contro il Milan) e nello scorso campionato ha messo a referto tutti i suoi gol in gare casalinghe (incluso quello al Bentegodi con la Roma di settembre 2021).


Nell’ultima sfida al Verona (19 febbraio 2022) hanno trovato il loro primo e unico gol in Serie A sia Edoardo Bove che Cristian Volpato: da allora il classe 2002 ha registrato otto presenze nel massimo torneo, sempre subentrando dalla panchina per un totale di 41 minuti giocati, il classe 2003 ne ha collezionata una sola (a maggio 2022) giocando sette minuti. Tammy Abraham ha lo stesso identico rendimento realizzativo dello scorso campionato dopo le prime 11 giornate: due gol segnati (anche se nel torneo 21/22 aveva colpito tre legni a questo punto della competizione); in particolare anche nella scorsa Serie A nelle cinque partite giocate ad ottobre non ha messo a referto nessun gol (in questo mese è attualmente a zero su quattro).


Probabili formazioni:


VERONA (3-4-1-2): Montipò; Hien, Gunter, Ceccherini; Faraoni, Veloso, Tameze, Depaoli; Verdi; Lasagna, Henry.


ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Camara, Cristante, Spinazzola; Zaniolo, Pellegrini; Abraham.


MONZA - BOLOGNA lunedì ore 20,45

Quote Loginbet: 1(2,25) X(3,30) 2(3,35)


Monza e Bologna si incontrano per la prima volta in Serie A, ma vantano otto confronti in Serie B (tre successi emiliani, uno brianzolo e quattro pareggi) e tre in Coppa Italia (due successi dei biancorossi e uno dei rossoblú). Gli ultimi confronti tra Monza e Bologna sono risalenti alla Serie C1 (Girone A) della stagione 1994/95: 0-1 in Brianza nel match d’andata, 1-1 in Emilia al ritorno; se consideriamo la Serie B invece l’ultimo confronto risale al 13 giugno 1993, vittoria per 2-1 del Bologna in casa del Monza. Tra Serie B, Serie C e Coppa Italia, l’ultima vittoria del Monza in casa con il Bologna è datata 23 agosto 1992 in Coppa Italia: 1-0 dopo i tempi supplementari con rete di Delpiano.


Il Bologna non ha mai vinto nelle ultime tre sfide fuori casa contro squadre neopromosse in Serie A (1N, 2P): l’ultima vittoria risale al 3-2 allo Scida contro il Crotone del 20 marzo 2021, mentre l’ultimo successo esterno contro una neopromossa nel girone di andata risale al 22 dicembre 2019 contro il Lecce (3-2). Il Monza arriva da due sconfitte consecutive in trasferta contro Empoli e Milan, mentre ha vinto le ultime due gare allo U-Power Stadium (contro Juventus e Spezia): l’ultima debuttante assoluta in Serie A ad ottenere tre vittorie di fila in casa è stata il Frosinone nell’ottobre 2015. Monza e Bologna sono due delle quattro squadre – insieme ad Atalanta e Roma – a non aver ancora ricevuto un rigore contro in questo campionato; il Monza è l’unica tra queste quattro a non averne ricevuto nemmeno uno a favore (il Bologna ne ha ricevuti tre, nessuna squadra ne conta di più finora).


Thiago Motta e Raffaele Palladino sono stati compagni di squadra nel Genoa 2008/09 allenato da Gian Piero Gasperini: in quel campionato di Serie A Palladino fornì un assist vincente per un gol di Motta, nella vittoria per 1-0 in casa della Reggina il 5 aprile 2009. Con il gol di Filippo Ranocchia salgono a cinque i marcatori italiani del Monza in questo campionato, più di qualsiasi altra squadra (il Bologna è l’unica a non averne nemmeno uno); il club brianzolo, inoltre, è una delle tre squadre – con Empoli e Sassuolo – a vantare almeno due marcatori italiani nati dal 1999 in poi (Colpani e Ranocchia).


Sia Gianluca Caprari (21 gennaio 2022 con la maglia del Verona) che Andrea Petagna (25 gennaio 2020 con la maglia della SPAL) hanno trovato il gol nella rispettiva ultima gara casalinga di Serie A giocata contro il Bologna. Marko Arnautovic ha segnato in cinque delle sette sfide giocate in Serie A contro squadre neopromosse, incluse tutte e tre quelle giocate in trasferta: l’attaccante austriaco (attualmente a quota 21 reti) è a un solo gol dall’agganciare Roberto Baggio al 30° posto dei migliori marcatori della storia del Bologna nel massimo campionato.


Probabili formazioni:


MONZA (3-4-3): Di Gregorio; Marlon, Pablo Marì, Caldirola; Ciurria, Rovella, Sensi, Carlos Augusto; Pessina, Petagna, Caprari.


BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Posch, Lucumi, Cambiaso; Medel, Ferguson; Aebischer, Dominguez, Barrow; Arnautovic.