• LoginBet Staff

Lukaku-Chelsea: manca solo l'annuncio ufficiale!

Romelu Lukaku saluta i Nerazzurri per volare in Inghilterra. Trasferimento al Chelsea per 115 milioni; una cessione che scatena le polemiche tra i tifosi in attesa dell'annuncio ufficiale.

Accordo definito tra Inter e Chelsea per il passaggio ai Blues dell'attaccante belga.

115 milioni di euro è la cifra da capogiro alla quale i Nerazzurri non hanno potuto rinunciare; nelle prossime ore è atteso l'annuncio ufficiale e nei prossimi giorni Lukaku firmerà il suo nuovo contratto.


Una notizia che fa infuriare la tifoseria


Come ormai prevedibile dalle ultime indiscrezioni di mercato trapelate nelle scorse settimane, il matrimonio tra Inter e Lukaku giunge ad un clamoroso divorzio che dopo le cessioni di diversi big della rosa Nerazzurra fa infuriare la tifoseria.


Nelle ore pomeridiane di ieri è arrivata l’offerta decisiva dal Chelsea, quella che porterà il belga alla corte di Thomas Tuchel ai Blues :

accordo definito alla cifra record di 115 milioni di euro senza l’inserimento di alcuna contropartita tecnica. Nei prossimi giorni si effettueranno le visite mediche e poi si l'attaccante firmerà il nuovo contratto.


Dopo alcuni giorni di tentennamenti da parte di Steven Zhang, soprattutto a causa della vera e propria rivolta del popolo nerazzurro, il presidente della compagine meneghina si sarebbe deciso ad accettare l’ultima irrinunciabile offerta di Roman Abramovich, deciso a regalare al proprio tecnico un nuovo centravanti di livello mondiale come dono per la Champions League conquistata.


Sky Sport, che ha rilanciato la notizia in tutti i suoi dettagli, spiega anche come sarà composto il nuovo contratto di Big Rom: nello specifico, al classe 1993 andranno 11 milioni di euro a stagione più bonus per 4 anni. Nel frattempo il giocatore ha chiesto e ottenuto di essere esentato dall’amichevole in programma domenica alle 19 contro il Parma.

Lukaku torna così a Stamford Bridge dopo ben 8 anni dall’ultima volta. La sua prima esperienza Londra risale, al 2011-2012 quando, da giovanissimo, collezionò 8 presenze e 0 gol prima di essere mandato in prestito al WBA. Poi il ritorno nel 2013, per poi essere mandato via subito in direzione Everton, dove in 141 presenze firmò ben 68 reti e si consacrò a livello mondiale.